Liticonsorzio Necessario

Nel nostro glossario giuridico odierno vi spieghiamo che cos’è e quando ricorre il litisconsorzio necessario.

Il litisconsorzio riassume le ipotesi in cui in un processo civile ci siano più attori (attivo) o più convenuti (passivo)

Il litisconsorzio può essere:

  • Necessario (art. 102 c.p.c.): è necessaria, in questo caso, la partecipazione nel processo civile di una pluralità di soggetti, poiché la decisione finale avrà effetti su ognuno di essi.
  • Facoltativo (art. 103 c.p.c.): più soggetti possono partecipare allo stesso processo per ragioni di opportunità
  • Originario: nel caso in cui il processo nasca fin da subito fra una pluralità di parti.
  • Successivo: nel caso in cui altre parti aggiungano alle parti originarie.

Analizziamo oggi il liticonsorzio necessario.


Il Litisconsorzio Necessario:

Il litisconsorzio necessario è regolato dall’articolo 102 del codice di procedura civile e ricorre quando la decisione deve essere pronunciata nei confronti di più parti.

Ricorre in ipotesi tassativamente indicate dalla legge nonché al verificarsi di due presupposti:

  • Quando il rapporto giuridico ha carattere plurisoggettivo e natura unitaria inscindibile
  • Quando la decisione finale non è in grado di produrre gli effetti se non viene pronunciata nei confronti di tutte le parti

Un esempio di litisconsorzio necessario è il disconoscimento della paternità.

Se il processo viene svolto inizialmente solo tra alcune parti e quindi non tra tutte le parti necessarie, deve essere rilevato dal giudice in ogni stato e grado del giudizio.

Se la partecipazione di tutte le parti non è rispettata e il giudice pronuncia la sentenza, quest’ultima è improduttiva di effetti.

Ti è piaciuto questo articolo e vuoi saperne di più? Dai un’occhiata al nostro glossario giuridico!

7 Condivisioni
Share7
Share
Tweet
WhatsApp