Reato-di-Truffa

La truffa è un reato molto diffuso: quasi tutti abbiamo assistito ad un tentativo di raggiro nei nostri confronti, specialmente negli ultimi anni tramite le mail o i social media.
Ma cosa si intende quando si parla di Reato di Truffa? Scopriamolo nel nostro Glossario Giuridico.


Definizione

Il reato di truffa è regolato dall’articolo 640 del codice penale ed è definito come: la volontà di spingere qualcuno in errore, mediante una condotta che tragga in inganno cagionando un danno patrimoniale e traendone un ingiusto profitto.

Dalla definizione possiamo intuire che si tratta di un reato comune: chiunque può commetterlo, ed è motivato dalla volontà di spingere una persona in errore per arrichirsi ingiustamente.

Una caratteristica di questo tipo di reato è che è composto da molteplici sfaccettature e questo è il motivo per cui è complesso fornirne una definizione che possa descriverlo in modo approfondito.

Una caratteristica comune a tutti queste tipologie però è la presenza di artifizi: delle complesse messe in scena, che hanno lo scopo di raggirare la vittima e indurla a cadere in inganno.

Sanzioni e Aggravanti

Possiamo trovare le sanzioni per il reato di truffa sempre nel articolo 640 del codice penale: il primo passo, nella maggioranza dei casi, è sporgere denuncia entro 3 mesi dal fatto.

Una volta accertata l’esistenza del reato la pena prevista per chi lo ha commesso è da sei mesi a tre anni di reclusione e una multa che va dai 51 ai 1032 Euro.

Il codice penale inoltre considera delle aggravanti al reato in caso di alcuni comportamenti del truffatore, che portano ad un aumento della pena, che passa ad una sanzione monetaria dai 309 ai 1549 Euro e un periodo di reclusione che va dai sei mesi ai tre anni.

Tipologie di Truffa

Esistono numerose tipologie di truffa ma la maggior parte possono essere collegate alla macro categoria della Truffa Contrattuale. Questo tipo di frode si può definire come un insieme dei già citati artifizi e raggiri che spingono la vittima a stipulare un contratto che, in condizioni normali, non avrebbe concluso.

In questo caso la legge tutela il cittadino vittima di truffa con l’annullamento totale del contratto, con la sola condizione che la denuncia venga presentata entro i limiti di tempo stabiliti dalla legge.

Inoltre, grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie, il reato di truffa si è arricchito di una nuova categoria, cioè la Truffa Online.

Si tratta semplicemente di una declinazione dell’articolo 640, ma che si riferisce a reati commessi tramite l’uso del web, sempre attraverso raggiri e artifizi.

Nello specifico chi tenta una truffa sul web può indurre la vittima a acquistare beni inesistenti, rivelare dati sensibili come il numero di carta di credito oppure attivare servizi non richiesti dall’interessato.

Essendo aumentato esponenzialmente l’uso di dispositivi connessi a internet con esso sono aumentate anche le possibilità di imbattersi in una truffa: motivo per cui è indispensabile prestare la massima attenzione, specialmente per bambini e anziani.

10 Condivisioni
Share10
Share
Tweet
WhatsApp