Tornare Indietro è Impossibile

Cina, l’assoluzione 21 anni dopo la condanna a morte

Dal Corriere della Sera del 06/12/2016, articolo a cura di Carlo Baroni

«Ci siamo sbagliati. Scusateci tanto»: così i giudici cinesi si sono giustificati con la famiglia di Nie Shubin. Nel 1995 era stato condannato a morte con l’accusa di aver violentato una ragazza. E la sentenza era stata eseguita. Lo ricorda Milagros Pérez Oliva in un commento sul País. La famiglia di Nie non aveva mai creduto alla sua colpevolezza. E presentato 54 ricorsi per riaprire il caso. Dopo venticinque anni il vero responsabile si è costituito. Troppo tardi. Giustizia non è stata fatta. E resta la polemica sulla pena di morte. Ma i giudici cinesi si sono «scusati».

AIVM (Associazione Italiana Vittime di Malagiustizia)

Iscritta al Registro Provinciale delle Associazioni senza scopo di lucro della provincia di Milano, con il numero 409. C.F. 97613360151

Piazza Luigi di Savoia 22, Milano

4 Condivisioni
Condividi4
Condividi
Tweet