Il Risarcimento Per Ingiusta Detenzione: Come Richiederlo

Cos’è il risarcimento per ingiusta detenzione? Quando e dove lo si può richiedere? Quali sono i requisiti?

Cos’è il risarcimento per ingiusta detenzione?

Il risarcimento per ingiusta detenzione è una riparazione pecuniaria per chi ha subito la custodia cautelare ed in seguito è stato dichiarato innocente. Il risarcimento è regolamentato dagli art. 314 e art. 315 del codice di procedura penale.

La custodia è ingiusta, e dunque si ha diritto al risarcimento, nel momento in cui un imputato viene dichiarato non colpevole con sentenza definitiva:

  • Per non aver commesso il fatto
  • Perché il fatto non costituisce reato
  • Perché il fatto non è previsto dalla legge come reato

Hanno lo stesso valore della sentenza di assoluzione anche la sentenza di non luogo a procedere e l’archiviazione.

Si ha diritto al risarcimento anche nel caso in cui:

  • La carcerazione sia avvenuta per un ordine di esecuzione errato
  • La carcerazione sia avvenuta in assenza delle condizioni previste dagli art. 273 e art. 280 del c.p.p., sia in caso di assoluzione che di condanna

In poche parole, chi ha subito ingiustamente la custodia cautelare, ha diritto a un indennizzo. La riparazione viene quantificata da un giudice, e non può superare la somma di € 516.456,90.

Infine, oltre al risarcimento pecuniario, chi è stato licenziato dal posto di lavoro a causa della custodia cautelare ha diritto ad essere reintegrato, nel caso in cui venisse pronunciata la sentenza di assoluzione, proscioglimento o l’archiviazione.

Come si richiede il risarcimento?

La domanda per il risarcimento deve essere presentata alla Corte d’Appello in cui è stata pronunciata la sentenza di assoluzione o archiviazione. Nel caso in cui la sentenza viene emessa dalla Cassazione, bisogna rivolgersi alla Corte d’Appello del distretto in cui è stato emesso il provvedimento.

La richiesta per il risarcimento deve essere presentata tassativamente entro due anni a partire da:

  • Il giorno in cui la sentenza è diventata irrevocabile
  • Il giorno in cui la sentenza di non luogo a procedere diventa inoppugnabile
  • Quando il provvedimento di archiviazione viene notificato all’interessato

Per  fare richiesta di risarcimento è necessaria l’assistenza di un legale munito di procura speciale. In casi particolari, si può richiedere il patrocinio a spese dello Stato.

Chi può ricevere il risarcimento?

Nel caso del decesso dell’interessato, la richiesta può essere portata avanti da:

  • Il coniuge, i figli, i genitori
  • I fratelli e le sorelle
  • Gli affini, ovvero i parenti del coniuge, entro il primo grado
  • Le persone legate da un vincolo di adozione con il deceduto

I documenti necessari per richiedere il risarcimento

Per fare richiesta di risarcimento, è necessario rivolgersi alla Cancelleria della Corte d’Appello competente con i seguenti documenti:

  • La domanda di riparazione del danno per ingiusta detenzione sottoscritta, eccetto il caso di procura speciale. Oltre all’originale servono anche 2 copie
  • La sentenza di assoluzione con l’attestazione di irrevocabilità
  • Il certificato dei carichi pendenti
  • Le dichiarazioni rese al Giudice Indagini Preliminari (G.I.P.) o al Pubblico Ministero (P.M.)
  • La fotocopia del documento di identità e codice fiscale

Nel caso di arresti domiciliari deve essere depositato anche:

  • Il provvedimento di concessione degli arresti domiciliari e l’ordine di scarcerazione
  • La posizione giuridica, da richiedere all’ultimo carcere di detenzione con l’autorizzazione della Corte di Appello
  • Gli atti del procedimento in cui si specifica che l’interessato non ha avuto comportamenti che, per dolo o colpa grave, hanno comportato la sua carcerazione

Per il deposito dei documenti, non è necessario alcun pagamento.

Per avere informazioni in merito al risarcimento bisogna rivolgersi al Ministero dell’Economia e delle Finanze – dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi del Tesoro – Serv. Centr. Per gli AA. GG. e la Qualità dei Processi e dell’Organizzazione.

Leggi gli altri articoli del nostro Glossario Giuridico!

AIVM (Associazione Italiana Vittime di Malagiustizia)

Iscritta al Registro Provinciale delle Associazioni senza scopo di lucro della provincia di Milano, con il numero 409. C.F. 97613360151

Piazza Luigi di Savoia 22, Milano

24 Condivisioni
Condividi24
Condividi
Tweet