Indipendenza Della Giustizia: Per Cittadini E Imprese È Bassa | aivm.it

L’indipendenza della giustizia in Italia è da sempre al centro di molti dibattiti.


Noi ve lo abbiamo raccontato tante volte, spesso alcuni casi di malagiustizia hanno acceso più di un dubbio sull’indipendenza della magistratura italiana.

Tuttavia, i dati che arrivano dal rapporto annuale della Commissione Europea sul sistema di giustizia nell’UE sono piuttosto eloquenti.

Per la maggior parte delle imprese e dei cittadini italiani l’indipendenza della giustizia è considerata quasi inesistente, o comunque, molto poco soddisfacente.

La Percezione Dell’Indipendenza Della Giustizia Tra I Cittadini

Tra gli italiani sono davvero in pochi a considerare la giustizia come un organo autonomo e indipendente.

Dei soggetti intervistati da Eurobarometro per il Rapporto infatti, circa il 37% dei soggetti totali si dichiarava soddisfatto dell’indipendenza del sistema giudiziario italiano.

Tra di essi, solo il 3% si considerava molto soddisfatto, mentre circa il 34% si riteneva genericamente contento.

Il restante 63% si divideva invece tra insoddisfatti e indecisi.

Questi ultimi rappresentavano circa il 18% del totale e gli insoddisfatti circa il 45%.

A differenza del caso precedente, tuttavia, la differenza tra molto insoddisfatti e genericamente insoddisfatti risulta meno netta.

Quel 45% infatti si divideva infatti tra un 16% di “molto insoddisfatti” e un 29% di “genericamente insoddisfatti“.

La-Percezione-Dell-Indipendenza-Della-Giustizia-Tra-I-Cittadini-1

La Percezione Dell’Indipendenza Della Giustizia Tra Le Imprese

Per quanto riguarda le imprese, la situazione diventa, se possibile, ancora più negativa.

Certo, a pesare potrebbe esserci tutta la difficile situazione sulla durata dei processi civili e dei processi amministrativi, ma stiamo parlando di cifre davvero incredibili.

Gli indecisi qui sono molti di meno, e quasi tutti concordano nel valutare negativamente l’indipendenza della giustizia.

Il 58% delle aziende intervistate si ritiene infatti insoddisfatto, con una percentuale di imprese “molto insoddisfatte” che si aggira intorno al 24% del totale.

Con una quota di indecise circa del 3%, coloro che si ritenevano soddisfatte erano solo il 39% delle aziende totali.

Un dato simile a quello evidenziato per i cittadini, che tuttavia è quasi sprovvisto della categoria delle imprese “molto soddisfatte“. Tale percentuale si assesta infatti sotto la soglia dell’1%, rendendola piuttosto irrisoria.

La-Percezione-Dell-Indipendenza-Della-Giustizia-Tra-Imprese

Le Cause

Secondo gli intervistati, le cause della mancata fiducia nell’indipendenza della giustizia sono essenzialmente tre.

  • La più gettonata è quella che vuole tale indipendenza minata da pressioni di tipo politico dal Governo o altri Organi di potere.

    In effetti, il largo uso che nella comunicazione, soprattutto televisiva e giornalistica, si fa dell’associazione giustizia-politica potrebbe aver influenzato questo giudizio.

    Capita infatti raramente che esse vengano scisse, sebbene si tratti di due poteri distinti e indipendenti.
  • La seconda causa più diffusa è invece quella secondo cui, a minare la credibilità dei giudici, ci siano motivazioni economiche.

    È convinzione diffusa in Italia che i sistemi giudiziari, come quelli politici, siano pervasi dalla corruzione, anche senza prove evidenti.
  • La terza ed ultima causa, meno comune, riguarda invece lo status dei giudici.

    Questo motivo affonda le sue radici nella convinzione che molti giudici non abbiano uno status o un posizionamento tale da poter garantire loro l’indipendenza.

    Ad ogni modo, forse per il suo carattere più generale rispetto alle altre due cause, quest’ultima risulta la meno popolare sia tra i cittadini che tra le imprese.

Un Confronto Con Il Resto Dell’Unione Europea

Tracciare un confronto con l’Unione Europea non è semplice, anche perché è difficile trovare Stati con percentuali peggiori di quelle italiane.

Nell’Europa dell’Ovest solo in Spagna i cittadini hanno percezioni più negative rispetto agli italiani. Nel Paese iberico infatti la percentuale di insoddisfatti sale oltre il 50%, maggiore dunque del 45% italiano.

Niente a che vedere però con altre Nazioni, dove le percentuali sono addirittura rovesciate.

Lasciando perdere l’inarrivabile Nord (in Danimarca e Finlandia le percentuali di soddisfatti superano l’80%), pure i sistemi giudiziari di Austria, Francia e Germania hanno tutti più del 50% di gradimento.

Confronto-Con-Il-Resto-Dell-Unione-Europea-sulla-soddisfazione-dell-indipendenza-della-giustizia-1

Discorso molto simile, se non peggiore, per quanto riguarda le imprese.

L’Italia si classifica negli ultimi posti anche qui, con la palma di peggior stato nell’Europa Occidentale. In questo caso, non c’è nemmeno la Spagna ha toglierci l’ultimo posto.

Il confronto con gli altri è piuttosto impietoso, nella maggior parte dei casi le percentuali sono diametralmente opposte rispetto a quelle italiane.

Ora, è evidente che la percezioni d’indipendenza della giustizia si basi, soprattutto per i cittadini, su sensazioni.

Tuttavia è altrettanto chiaro che in Italia molte cose non vadano bene nel sistema giudiziario e che questi dati siano lo specchio delle difficoltà di molti cittadini.

È necessario dunque fare in modo che qualcosa cambi nella giustizia, altrimenti resteremo sempre il fanalino di coda d’Europa.

AIVM (Associazione Italiana Vittime di Malagiustizia)

Iscritta al Registro Provinciale delle Associazioni senza scopo di lucro della provincia di Milano, con il numero 409. C.F. 97613360151

Piazza Luigi di Savoia 22, Milano

122 Condivisioni
Condividi122
Condividi
Tweet