Napoli, la Morte di Claudio Volpe, Tra Dubbi e Incertezze | aivm.it

Sull’edizione odierna del quotidiano Il Mattino, Oscar De Simone descrive la triste vicenda di Claudio Volpe e della sua morte avvenuta prematuramente nel carcere di Poggioreale in circostanze poco chiare il 10 febbraio scorso.

Ad oggi, nonostante il caso abbia avuto un forte impatto mediatico, i familiari attendono ancora che il Tribunale di Napoli fornisca una spiegazione valida sulle dinamiche della morte del giovane a soli 34 anni.


Oscar De Simone, Il Mattino.it, 17 luglio 2019.

I familiari: “Vogliamo giustizia”. Sono ancora in attesa di risposte i familiari di Claudio Volpe, morto nel carcere di Poggioreale all’età di 34 anni.

Il decesso lo scorso 10 febbraio, avvenuto dopo tre giorni di febbre alta, non ha mai convinto i parenti che da subito decisero di approfondire la vicenda.

Nessuna indicazione però, sarebbe venuta dall’inchiesta dalla Procura di Napoli e dai risultati dell’autopsia. Cinque mesi di silenzio in cui ai dubbi si alterna lo sconforto.

“Non sappiamo che fare e a chi rivolgerci”, dichiara la sorella di Claudio, Santina.

“Ogni volta che il nostro avvocato va in tribunale gli vengono date risposte differenti rispetto ai risultati degli esami. A questo punto vogliamo vederci chiaro perché è assurdo morire con la febbre alta. Solo grazie ai suoi compagni di cella sappiamo qualcosa e cosa sia successo poco prima della morte”.

Proprio in quelle ultime ore di vita – secondo il racconto di chi era con lui in cella – Claudio avrebbe accusato una forte stanchezza. Un affaticamento che non gli avrebbe consentito neanche di lavarsi.

“Per questo motivo – continua Santina – mio fratello si sarebbe messo in branda chiedendo di essere svegliato dopo poco. Ma così non è stato. È stato trovato direttamente morto e nessuno sa cosa sia accaduto.

Adesso siamo disperati e insieme al nostro legale stiamo cercando tutte le risposte. Non ci fermeremo perché abbiamo ancora tanti dubbi e vogliamo essere certi di quello che è successo“.

AIVM (Associazione Italiana Vittime di Malagiustizia)

Iscritta al Registro Provinciale delle Associazioni senza scopo di lucro della provincia di Milano, con il numero 409. C.F. 97613360151

Piazza Luigi di Savoia 22, Milano

40 Condivisioni
Condividi40
Condividi
Tweet