la confisca

Senti spesso parlare di confisca? Ti spieghiamo di cosa si tratta nel nostro glossario giuridico: leggilo ora!


Frequentemente sentiamo parlare di confisca di beni, di un veicolo, di un terreno, e così via.
Ma cosa indica esattamente questo termine? In quali casi si applica? In quali tipologie si presenta? Scopriamolo, insieme, punto per punto.

Confisca: di Cosa si Tratta

La confisca è, innanzitutto, una misura di sicurezza di tipo patrimoniale.

Per misura di sicurezza si intende un provvedimento previsto dal codice penale, applicato nei confronti di una persona che ha commesso un reato o, pur non essendo stata condannata, che è considerata pericolosa.

Se vuoi approfondire questo tema, ti rimandiamo al nostro articolo sulle misure di sicurezza.

La confisca è una misura di sicurezza di tipo patrimoniale perché si tratta di un provvedimento che coinvolge il patrimonio della persona in questione.

In particolare, per confisca si intende l’espropriazione, da parte dello Stato, di uno o più beni appartenenti ad un soggetto che ha compiuto un reato. L’espropriazione avviene quando questi beni sono collegati al compimento del reato.

A livello legislativo, l’articolo 240 del codice penale ne definisce le regole.

Confisca: Obbligatoria, Facoltativa e per Equivalente

Vediamo adesso cosa si intende per beni collegati al compimento di un reato.

Si parla di confisca obbligatoria quando il giudice deve disporre obbligatoriamente l’espropriazione di quei beni. I beni obbligatoriamente confiscati rientrano nelle seguenti categorie:

  • beni che rappresentano il prezzo del reato
  • beni di natura informatica o telematica usati per compiere il reato
  • beni la cui produzione, detenzione, uso costituisce un reato

L’espropriazione è, invece, facoltativa se i beni, collegati al reato, possono (o meno) essere confiscati: la decisione spetta al giudice. Tra questi beni rientrano:

  • beni che costituiscono lo strumento o il mezzo usato per compiere il reato
  • beni che costituiscono il profitto o il prodotto di tale reato

Se i beni in questione sono stati distrutti o sono andati perduti, si provvede all’espropriazione di altri beni di pari valore di proprietà dell’imputato. In quest’ultimo caso, si tratta di confisca per equivalente.

Differenza con il Sequestro

Attenzione! Non bisogna confondersi tra i due termini: mentre il sequestro è una misura cautelare a carattere provvisorio, in attesa della sentenza del giudice circa la colpevolezza dell’imputato, la confisca è un provvedimento a carattere definitivo, che viene emesso in seguito alla condanna dell’imputato.

Hai trovato interessante questo articolo? Allora ti consigliamo la lettura del nostro glossario giuridico sul danno da perdita di chance.

7 Condivisioni
Share
Share
Tweet7
WhatsApp